Bergamasca in Do maggiore

Trascrizione di Flaminio Gervasi

Canto Popolare 
Provenienza: Lombardia



Testo

Fila balà, fila saltà,
diga un giro lasela 'ndà!

E tTeresa bella résa
circa fò chi la bella sia
per qualunque chi 'lla sia
chi 'lla sà più ben balà.

Eccula chi che l'ò trôvada
grand'e grossa e inemurada,
fila balà, fila saltà,
diga un giro lasela 'ndà

Diga un giro la Rosalia,
fila balà'n cavalleria,
diga un giro un giro o du,
fela 'ndà 'n dol so cantù!

E tTeresa bella résa
circa fò chi la bella sia
per qualunque chi 'lla sia
chi 'lla sà più ben balà.

Eccula chi che l'ò trôvada
grand'e grossa e inemurada,
fila balà, fila saltà,
diga un giro lasela 'ndà.

E cConcordia da ccussai
'nemurada d'un calsôlai,
col bastù de la siètta
la gh'à una lingua maledetta!

Eccula chi che l'ò trôvada
grand'e grossa e inemurada,
fila balà, fila saltà,
diga un giro lasela 'ndà.

E tTeresa bella résa
circa fò chi la bella sia
per qualunque chi 'lla sia
chi 'lla sà più ben balà.

Eccula chi che l'ò trôvada
grand'e grossa e inemurada,
fila balà, fila saltà,
diga un giro lasela 'ndà.

Descrizione

E' questa la lezione lombarda di quel ballo cantato che Costantino Nigra pubblicò in Piemonte (verso la fine dell'800) con il titolo di Corrente, derivante dall'antico Saltarello. La Bergamasca è un tipico canto a ballo suonato solitamente nelle festività paesane. Potremmo dire che esso appartiene al filone delle danze da corteggiamento. Titolo originale: E tTeresa bella rèsa. Raccolta a Parre (BG).