Carolina di Savoia

Armonizzazione di Flaminio Gervasi

Canto Popolare del 1888
Provenienza: Piemonte
Musica e Parole di Autore Ignoto



Testo

La bela Carolin la völo maridè,
lo düca de Sassonia a i völo fe spuzè.
O s'a m'è bin pi car ün pover paizan,
che 'l düca de Sassonia ch'a l'è tan luntan.

Ün pover paizan lè pa del vost onur;
lo düca de Sassonia ch'a l'è ün gran signur.
O s'a m'è bin pi car ün cavajer dla curt,
che 'l düca de Sassonia ch'a l'è ün gran signur.

Ün cavajer dla curt l'è pa del vost onur;
lo düca de Sassonia ch'a l'è ün gran signur.
Da già ch'a l'è cozì, da già ch'a l'è destin,
faruma la girada tüt anturn d' Türin.

Bundì me car papà, bundì cara maman,
che mi vad an Sassonia ch'a l'è tan luntan.
Cara la mia cügnà, perchè na piuri tan?
Mi sun venûa da 'n Fransa ch'a l'è tan luntan.

Fratei dei me fratei, tuchè-me 'n po' la man,
che mi vad an Sassonia ch'a l'è tan luntan.
Tuchè-me 'n po' la man, amis me car amis,
l'è cun la fiur del liri a'rvëd-se an paradis.

Descrizione

Nella Cappella del Real Castello di Moncalieri, il 29 settembre 1781 alle ore 4 dopo mezzodì, stavano inginocchiati dinanzi l'altare la principessa Maria Carolina Antonietta di Savoia, e Carlo Emanuele principe di Piemonte, incaricato di sposare per procura la sorella in nome del principe Antonio Clemente duca di Sassonia. Si narra che al momento di pronunciare il "si" la principessa vacillasse e rivolgesse uno sguardo supplichevole ai genitori. Le ragion di stato ebbero il sopravvento ed un rifiuto all'ultimo momento avrebbero creato un incidente diplomatico che era meglio evitare. Il 30 settembre, Carolina aveva 17 anni, dovette partire. Ma prima della partenza il corteo nuziale traversò Torino "avendo il re e la regina secondar così la pubblica brama di veder ancora una volta in essa l'amata loro ultima figlia". Il viaggio fu triste come un convoglio funebre. L'ingresso a Dresda, rimase lungamente memorabile negli annali della città. Il 24 ottobre veniva celebrato il matrimonio ufficiale in forma solenne. Nella notte del 15 dicembre 1782, Carolina, improvvisamente colpita da vaiolo chiudeva la sua breve vita. La ripugnanza della principessa ad abbandonare la casa paterna, la passeggiata per Torino, il presentimento della morte sono l'argomento di questa canzone popolare che è possibile udire ancora oggi cantata da qualche vecchio contadino nei dintorni di Torino.