El fiol del signor conte

Armonizzazione di Flaminio Gervasi

Canto Popolare 
Provenienza: Lombardia



Testo

El fiol del signor conte vuleva to moèr
e voleva sposar l'inglesa, l'era figlia d'un cavalier.

La sera la dimanda e la notte la sposò
e la mattin bonora per la Francia se ne andò.

Ne fece trenta miglia e l'inglesa mai parlò
ne fece trenta d'altri la comincia a sospirar.

Cosa suspiré inglesa cosa suspiré mai vu
sospiro la mia mamma che mai più la rivedrò.

Se sospiré per quello e non è nient de mal
ma se sospiré per altro il coltello l'è preparà.

O lei o signor conte m'impresti la sua spada
voglio tagliar 'na rama per far ombra al mio caval.

Quand'ebbe la sua spada nel cuor gliela piantò
e poi montò a cavallo e a casa se ne tornò.

Descrizione

La ballata nota in Italia con il titolo L'eroina, l'inglesa, la vendicatrice è probabilmente la più diffusa in Europa con oltre 700 versioni di cui solo in Italia se ne conoscono una settantina. Nelle versioni italiane abbiamo all'inizio una rappresentazione del matrimonio del Fiol del signor conte con l'inglesa, un matrimonio che si configura come un ratto, abbiamo la sequenza del viaggio, dei sospiri della donna che lamenta il fatto che non rivedrà mai più nè padre nè madre, infine la richiesta della donna di avere in prestito la spada per tagliare dei rami per far ombra al suo cavallo; avuta la spada uccide il figlio del conte e torna verso casa.