Comu 'na vila

Elaborazione di Flaminio Gervasi

Canto d'Autore del 1971
Provenienza: Sicilia
Musica di Emanuele Calanduccio
Parole di Pino Correnti



Testo

Comu 'na vila
sbatti st'arma mia
comu 'na vila
ca lu ventu vôli

comu 'na vila
sempri appressu a tia
ca tu si ventu
e luntano vôli.

Cuntentu sugnu
s'jddu 'na vrazzata
di lu tò ciatu
tegnu d'i bulina.

E chi gran festa
si 'nta la nuttata
supra 'sta varca
curri di carina.

Comu 'na vila
sempri ppressu a tia
ridi 'stu côri
'n festa si lu teni,

ma si lu lassi,
penni (amaru a mia)
leggia è la vila
e nenti è senz'a tia!

Comu 'na vila
sbatti 'st'arma mia.

Descrizione

Questo dolcissimo canto siciliano d'autore donato al coro da Flaminio Gervasi, pur essendo fuori dagli schemi abituali del coro A.N.A. di Milano, viene eseguito per la non comune sensibilità musicale dell'armonizzatore che ha saputo mantenere intatta la poesia e la struggente malinconia di questa canzone. Come una vela, sbatte questa mia anima... come una vela che anela al vento... Come una vela, sempre dietro di te, giacchè tu sei vento che voli lontano... Sono contento se avrò una bracciata del tuo respiro di bolina... E che gran festa se durante la notte, su questa barca soffierà di poppa. Come una vela sempre dietro di te, ride questo cuore in festa se lo tieni vicino, ma se lo lasci, oh me meschino, vuota è la vela e non è niente senza di te. Come una vela sbatte questa mia anima...